Riarmo segreto

Con il Secondo Programma di Riarmo adottato dal governo del Reich nella primavera del 1932 prosegue il riarmo segreto del Reich tedesco grazie a moderni metodi di produzione industriale.
In realtà dopo la sconfitta nella prima guerra mondiale le potenze alleate vincitrici stipulano nel trattato di pace di Versailles che l’esercito del Reich tedesco sia limitato a un esercito professionale di massimo di 100.000 uomini. La marina è limitata a 15.000 uomini. È proibito potenziare le forze aeree.

Riarmo segreto

Con il Secondo Programma di Riarmo adottato dal governo del Reich nella primavera del 1932 prosegue il riarmo segreto del Reich tedesco grazie a moderni metodi di produzione industriale.
In realtà dopo la sconfitta nella prima guerra mondiale le potenze alleate vincitrici stipulano nel trattato di pace di Versailles che l’esercito del Reich tedesco sia limitato a un esercito professionale di massimo di 100.000 uomini. La marina è limitata a 15.000 uomini. È proibito potenziare le forze aeree.

Un primo tentativo di riarmo segreto per aggirare il trattato di pace viene avviato con il Primo Programma di Riarmo adottato sotto il cancelliere del Reich Hermann Müller (1876–1931) dallo SPD il 29 settembre 1928. Nel 1932 si pensa di creare un esercito con 21 divisioni, equipaggiato con armi e munizioni e una forza aerea con 150 aerei. Nel lungo periodo l’obiettivo della direzione della Reichswehr è di arrivare a 102 divisioni con fino a tre milioni di soldati.

Sin dal 1921 è in atto una collaborazione segreta con l’Unione Sovietica. E dal 1925 nella città russa di Lipezk viene gestita in collaborazione con l’Armata Rossa una scuola di aviazione. Il centro di formazione congiunto per i carri armati è a Kazan (“Kama”), mentre una struttura di ricerca e test per i gas tossici da combattimento si trova vicino a Volsk (“Tomka”).

OKH / Stato Maggiore dell’Esercito – collezione fotografica © Bundesarchiv
Notizie ventose dall’aviazione tedesca

Vicino a Lipetsk, in Unione Sovietica, la Reichswehr gestisce in segreto una scuola di volo e un centro di collaudo. Nella foto i biplani “Heinkel HD 17” (intorno al 1927) progettati come aerei da ricognizione.

Beni di consumo contemporanei

L’unica industria dove gli affari vanno ancora a gonfie vele…!

Con la sua caricatura Duwdiwani critica il fatto che nel 1932, in piena crisi economica, con un tasso di disoccupazione del 30,8%, sia proprio la produzione di armamenti a prosperare.

Roter Pfeffer, anno 5 / numero 4, 15.4.1932, p. 9
Frontespizio del numero del 12 marzo 1929 della Weltbühne. Wikipedia Free Commons
Alto tradimento

Sotto lo pseudonimo di “Heinz Jäger” Carl von Ossietzky (1889–1938) scrive nel 1929 l’articolo “Windiges aus der deutschen Luftfahrt” (“Notizie ventose dall’aviazione tedesca”) sul riarmo segreto. Nel 1931 è condannato a 18 mesi di prigione per alto tradimento nel “processo Weltbühne”.

Collezione fotografica VEB Fahrzeug- und Jagdwaffenwerk Suhl. Landesarchiv Thüringen – Staatsarchiv Meiningen
Fabbrica di armamenti a Suhl

Dal 1925 l’azienda Simson a Suhl in Turingia è l’unica a produrre nel Reich mitragliatrici leggere, fucili, carabine e pistole per uso militare. Poco dopo la presa del potere la fabbrica di proprietà degli ebrei viene espropriata dal Gauleiter della Turingia e Governatore del Reich Fritz Sauckel (1894–1946) e trasformata nella sede centrale della società di armamenti Wilhelm-Gustloff-Stiftung, fondata nel 1936.

Werner Boldt: Carl von Ossietzky (1889–1938). Bremen 2020.

David Brown: What’s in a Name? Dennis Baum and the Simson Company. Leo Baeck Institut 2014.
Online: https://www.lbi.org/news/whats-in-a-name-dennis-baum-and-the-simson-company/

Gerhard Jungfer / Ingo Müller: 70 Jahre Weltbühnen-Urteil. In: Neue Juristische Wochenschrift (NJW) 2001, S. 3461–3465.

Dieter Lang, Staat: Recht und Justiz im Kommentar der Zeitschrift »Die Weltbühne«. Frankfurt a. M. 1996.

Rolf-Dieter Müller / Hans-Erich Volkmann: Die Wehrmacht. Mythos und Realität. Hg. im Auftrag des Militärgeschichtlichen Forschungsamts. München 1999.

Bernhard Sauer: Schwarze Reichswehr und Fememorde. Eine Milieustudie zum Rechtsradikalismus in der Weimarer Republik. Berlin 2004.

Ulrike Schulz: Simson. Vom unwahrscheinlichen Überleben eines Unternehmens 1856–1993. Göttingen 2013.

Dimitri Alexejewitsch Sobolew: Deutsche Spuren in der sowjetischen Luftfahrtgeschichte. Die Teilnahme deutscher Firmen und Fachleute an der Luftfahrtentwicklung in der UdSSR. Hamburg/Berlin/Bonn 2000.

Rainer Wohlfeil / Edgar Graf v. Matuschka: Reichswehr und Republik (1918–1933). Handbuch zur deutschen Militärgeschichte 1648–1939. 4. Lieferung – VI. Hg. im Auftrag des Militärgeschichtlichen Forschungsamts. Frankfurt a. M. 1970.